La sindrome da deficit di attenzione ed iperattività (ADHD) simanifesta già dall'infanzia ed è spesso associata a dislessia, disprassia, disturbi del comportamento, disturbi d'ansia e dell’umore.

Le caratteristiche principali dell’ADHD sono: la disattenzione, ossia la difficoltà a rimanere attenti o a lavorare su uno stesso compito per un periodo di tempo prolungato; l'iperattività, ovvero un eccessivo livello di attività motoria o vocale; l'impulsività, cioè la difficoltà a rimandare una risposta, ad inibire un comportamento inappropriato, ad attendere una gratificazione.

A scuola, a casa, molto spesso si pensa che il bambino sia semplicemente pigro, disattento irrequieto. In particolare, gli estranei, osservandolo si fanno l'idea che il comportamento "maleducato" del ragazzo sia dovuto ad una cattiva educazione da parte dei genitori. Questi bambini, presentando difficoltà rispetto all'attenzione, alla capacità di autoregolazione cognitiva e, a causa delle risposte impulsive e del comportamento iperattivo, tendono ad ottenere delle prestazioni scolastiche inferiori rispetto ai loro coetanei, pur possedendo le stesse abilità intellettive. All'interno del gruppo classe tendono ad essere etichettati come bambini "difficili". Spesso vengono visti quasi come le pecore nere del gruppo.

D'altra parte, questi bambini, per confermare l'immagine che gli è stata attribuita, tendono paradossalmente ad incentivare i propri comportamenti mettendo ancor più in stallo genitori e scuola. E' necessario, in questi casi, prima che le cose si aggravino, che vi sia la valutazione di uno psicologo e di un neuropsichiatra infantile, al fine di operare una diagnosi differenziale fra una condizione di ADHD o piuttosto la presenza di altri tipi di difficoltà.

La nostra scuola si è resa conto della necessità di un intervento che serva a fornire una nuova prospettiva utilizzando una modalità, che implichi il coinvolgimento della scuola, della famiglia e del bambino stesso e che abbia come obiettivo quello di individuare insieme nuove strategie e soluzioni più efficaci.

 

La sindrome da deficit di attenzione ed iperattività (ADHD) simanifesta già dall'infanzia ed è spesso associata a dislessia, disprassia, disturbi del comportamento, disturbi d'ansia e dell’umore.

Le caratteristiche principali dell’ADHD sono: la disattenzione, ossia la difficoltà a rimanere attenti o a lavorare su uno stesso compito per un periodo di tempo prolungato; l'iperattività, ovvero un eccessivo livello di attività motoria o vocale; l'impulsività, cioè la difficoltà a rimandare una risposta, ad inibire un comportamento inappropriato, ad attendere una gratificazione.

A scuola, a casa, molto spesso si pensa che il bambino sia semplicemente pigro, disattento irrequieto. In particolare, gli estranei, osservandolo si fanno l'idea che il comportamento "maleducato" del ragazzo sia dovuto ad una cattiva educazione da parte dei genitori. Questi bambini, presentando difficoltà rispetto all'attenzione, alla capacità di autoregolazione cognitiva e, a causa delle risposte impulsive e del comportamento iperattivo, tendono ad ottenere delle prestazioni scolastiche inferiori rispetto ai loro coetanei, pur possedendo le stesse abilità intellettive. All'interno del gruppo classe tendono ad essere etichettati come bambini "difficili". Spesso vengono visti quasi come le pecore nere del gruppo.

D'altra parte, questi bambini, per confermare l'immagine che gli è stata attribuita, tendono paradossalmente ad incentivare i propri comportamenti mettendo ancor più in stallo genitori e scuola. E' necessario, in questi casi, prima che le cose si aggravino, che vi sia la valutazione di uno psicologo e di un neuropsichiatra infantile, al fine di operare una diagnosi differenziale fra una condizione di ADHD o piuttosto la presenza di altri tipi di difficoltà.

La nostra scuola si è resa conto della necessità di un intervento che serva a fornire una nuova prospettiva utilizzando una modalità, che implichi il coinvolgimento della scuola, della famiglia e del bambino stesso e che abbia come obiettivo quello di individuare insieme nuove strategie e soluzioni più efficaci.

 

Area Utenti

Attestato partecipazione scuola digitale

 

Repository

Consulta la Documentazione

dei nostri Progetti e Percorsi
Didattici

 

Amministrazione Trasparente

amministrazione trasparente

 

 

Albo on line

albo on line

 
Go to top